Settore Ambiente e Mobilità del Comune di Parma- Direzionale Uffici Comunali - Largo Torello De Strada 11/a - Tel. 0521-218557 Fax 0521-031825 Email: icbi@comune.parma.it
» home  
REQUISITI PER ADESIONE COMUNI


Possono presentare istanza di adesione alla Convenzione ICBI (secondo quanto disposto dall’art. 6 dell’Accordo di Programma) i Comuni individuati dalle regioni e dalle province autonome nelle liste di zona e di agglomerati nelle quali i livelli di uno o più inquinanti eccedano il valore limite aumentato del margine di tolleranza, o siano compresi tra il valore limite e il valore limite aumentato del margine di tolleranza, secondo quanto previsto dal decreto legislativo 13.8.2010 n. 155 e s.m.i.
Qualora non siano state ancora definite, o approvate con apposita delibera di Giunta, le liste di zona e di agglomerati oggetto dei piani e programmi di cui al decreto legislativo 13.8.2010 n. 155 e s.m.i., potranno partecipare alla Convenzione ICBI i Comuni individuati nelle liste inviate dalle Regioni al Ministero nell’ambito del monitoraggio tecnico avviato con nota DSA/2004/15371 del 30.06.2004.
I Comuni interessati, per poter aderire alla Convenzione ICBI, oltre a dover dichiarare di essere in possesso del requisito suddetto, devono dichiarare l’esistenza, nel proprio territorio o in quello dei Comuni limitrofi, di almeno un impianto di rifornimento di metano o GPL per autotrazione aperto al pubblico.

N.B.:
I Comuni già aderenti alla Convenzione sono confermati se rispondenti ai requisiti suddetti. Diversamente verranno sospesi fino al verificarsi delle suddette caratteristiche.

I Comuni non ancora aderenti alla Convenzione, una volta verificato di possedere i sopraccitati requisiti, possono far richiesta di in tal senso seguendo le modalità descritte nella procedura di adesione.

ATTENZIONE: LE REGIONI BASILICATA, CALABRIA e MOLISE NON HANNO ANCORA TRASMESSO (secondo quanto disposto dall’art. 6, comma 1, dell’Accordo di Programma)  ALLA DIREZIONE DSA DEL MINISTERO DELL’AMBIENTE E DELLA TUTELA DEL TERRITORIO LE LISTE DI ZONA E DI AGGLOMERATI NELLE QUALI I LIVELLI DI UNO O PIÙ INQUINANTI ECCEDANO IL VALORE LIMITE AUMENTATO DEL MARGINE DI TOLLERANZA, O SIANO COMPRESI TRA IL VALORE LIMITE E IL VALORE LIMITE AUMENTATO DEL MARGINE DI TOLLERANZA, di cui al decreto legislativo 13.8.2010 n. 155 e s.m.i.

SIAMO A RICORDARE CHE (sempre secondo quanto disposto dall’art. 6, comma 2, dell’Accordo di Programma), QUALORA NON SIANO STATE ANCORA DEFINITE, O APPROVATE CON APPOSITA DELIBERA DI GIUNTA, LE LISTE DI ZONA E DI AGGLOMERATI OGGETTO DEI PIANI E PROGRAMMI DI CUI ALL’ART. 8 DEL DECRETO LEGISLATIVO 4.8.1999 N. 351, POTRANNO PARTECIPARE ALLA CONVENZIONE ICBI I COMUNI INDIVIDUATI NELLE LISTE INVIATE DALLE REGIONI AL MINISTERO NELL’AMBITO DEL MONITORAGGIO TECNICO AVVIATO CON NOTA DSA/2004/15371 DEL 30.06.2004.

CONSIGLIAMO QUINDI AI REFERENTI DEI COMUNI CHE HANNO GIA’ ADERITO ALLA CONVENZIONE ICBI ED AI REFERENTI DEI COMUNI NON ANCORA ADERENTI, MA CHE HANNO INTENZIONE DI PRESENTARE DOMANDA IN TAL SENSO, DI SOLLECITARE LE RISPETTIVE REGIONI AFFINCHE’ PROVVEDANO AL PIU’ PRESTO AD OTTEMPERARE ALLA SUDDETTA FORMALITA’. DIVERSAMENTE, I COMUNI GIA’ ADERENTI ALLA CONVENZIONE VERRANNO SOSPESI FINO AL VERIFICARSI DEL RISPETTO DEI REQUISITI PREVISTI.